ASSOCIAZIONE FERMATA GIARDINO DI ROMA

Convegno all’AXA

Come sapete il 6 maggio si è tenuto un convegno all’Axa sulla Roma Lido rivolto principalmente ai CdQ e alle associazioni, al quale hanno partecipato, tra gli altri, l’assessore alla Mobilità della Regione Lazio Mauro Alessandri, i consiglieri regionali Patané e Califano, il consigliere capitolino Giovanni Zannola, membro del nostro gruppo (Gio Zen), e la consigliera del nostro municipio Margherita Welyam. Erano presenti diversi Comitati ed organizzazioni sindacali, oltre a tanti cittadini del nostro municipio, alcuni dei quali residenti in Giardino di Roma.

Il nostro presidente vi ha preso parte insieme a Marco (membro della nostra associazione), ed è stato il primo ad intervenire. Gli argomenti che ha esposto sono, probabilmente, ormai più che noti in questo gruppo. Ha come sempre ribadito che si tratta di un’infrastruttura che aspettiamo da quasi vent’anni e presente nel PRG fin dal 2003. Ha ripetuto che la possibilità di vederla realizzata dal costruttore è ormai definitivamente sfumata e che pertanto non resta che sperare nei fondi pubblici. Quindi ha spiegato all’assessore che la nostra iniziativa di presentare l’interpellanza alla Sindaca con la raccolta firme è stata sostanzialmente un tentativo per cercare di recuperare degli oneri versati nel 2014 dal costruttore per il nostro quartiere, tentativo che, se andasse a buon fine, renderebbe disponibile una somma consistente da cui partire per la realizzazione di una semplice fermata (non stazione). Nulla di nuovo, direte voi, rispetto alle altre volte. In questo caso, però, ha avuto la possibilità di rivolgersi direttamente all’assessore Alessandri al quale ha potuto finalmente chiedere qual è l’intenzione della Regione Lazio in merito alla realizzazione dell’opera e se c’è la volontà di lavorare con il Comune di Roma istituendo una nuova conferenza dei servizi. Diversamente, se c’è l’intenzione di operare singolarmente visto che, essendo proprietaria esclusiva della intera tratta, ha la facoltà di farlo. Ha anche chiesto se è possibile reperire fondi per l’opera utilizzando parte dei famosi 180 milioni già stanziati da alcuni anni per l’ammodernamento della linea.

Successivamente sono intervenuti gli altri rappresentanti dei comitati e dei sindacati e, finalmente, hanno preso la parola le figure istituzionali sopra menzionate. L’Assessore ha tenuto il suo discorso per ultimo senza entrare specificatamente in modo dettagliato in merito alle varie problematiche che gli sono state presentate. Riguardo la nostra fermata ci ha lasciato intendere che la strada da noi intrapresa per recuperare i soldi già versati per il nostro quartiere è senz’altro da portare avanti e che pertanto la soluzione del tavolo tecnico da cui partire per discutere con Roma Capitale in merito alla realizzazione dell’infrastruttura è quella che dovrebbe prendere piede. Ciò conferma le conclusioni raggiunte durante la nostra precedente riunione con lo staff dell’assessore in data 16 aprile (si veda a tal proposito il mio breve post di quel giorno). Per quanto concerne l’utilizzo dei finanziamenti già stanziati (per l’ammodernamento della tratta e l’acquisto dei nuovi convogli), la risposta è stata, ancora una volta, negativa.

Vi riportiamo, per completezza, la nota ufficiale degli organizzatori dell’evento di ieri:
“Importante appuntamento ieri sulla mobilità nel X Municipio in generale e in particolare sul futuro della Roma Lido.

Tra i punti più importanti, mettiamo qui in evidenza alcune notizie:
• Entro l’estate riprenderanno i lavori di costruzione e rifacimento delle stazioni di Acilia Sud e di Tor Di Valle, lavori che verranno eseguiti sotto la supervisione della Regione Lazio.
• Annunciata l’attivazione da parte della Regione Lazio di un tavolo permanente con Roma Capitale per portare a compimento il progetto delle due nuove fermate a Giardino di Roma e Torrino/Mezzocamino. A seguito della nostra mozione approvata in Consiglio Comunale andiamo avanti anche in Regione Lazio per la riqualificazione delle stazioni della Roma Lido che potranno diventare anche luoghi di aggregazione culturale.
• Confermato inoltre l’arrivo di nuovi treni entro il 2022.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *