• ASSOCIAZIONE FERMATA GIARDINO DI ROMA

    Convegno all’AXA

    Come sapete il 6 maggio si è tenuto un convegno all’Axa sulla Roma Lido rivolto principalmente ai CdQ e alle associazioni, al quale hanno partecipato, tra gli altri, l’assessore alla Mobilità della Regione Lazio Mauro Alessandri, i consiglieri regionali Patané e Califano, il consigliere capitolino Giovanni Zannola, membro del nostro gruppo (Gio Zen), e la consigliera del nostro municipio Margherita Welyam. Erano presenti diversi Comitati ed organizzazioni sindacali, oltre a tanti cittadini del nostro municipio, alcuni dei quali residenti in Giardino di Roma.

    Il nostro presidente vi ha preso parte insieme a Marco (membro della nostra associazione), ed è stato il primo ad intervenire. Gli argomenti che ha esposto sono, probabilmente, ormai più che noti in questo gruppo. Ha come sempre ribadito che si tratta di un’infrastruttura che aspettiamo da quasi vent’anni e presente nel PRG fin dal 2003. Ha ripetuto che la possibilità di vederla realizzata dal costruttore è ormai definitivamente sfumata e che pertanto non resta che sperare nei fondi pubblici. Quindi ha spiegato all’assessore che la nostra iniziativa di presentare l’interpellanza alla Sindaca con la raccolta firme è stata sostanzialmente un tentativo per cercare di recuperare degli oneri versati nel 2014 dal costruttore per il nostro quartiere, tentativo che, se andasse a buon fine, renderebbe disponibile una somma consistente da cui partire per la realizzazione di una semplice fermata (non stazione). Nulla di nuovo, direte voi, rispetto alle altre volte. In questo caso, però, ha avuto la possibilità di rivolgersi direttamente all’assessore Alessandri al quale ha potuto finalmente chiedere qual è l’intenzione della Regione Lazio in merito alla realizzazione dell’opera e se c’è la volontà di lavorare con il Comune di Roma istituendo una nuova conferenza dei servizi. Diversamente, se c’è l’intenzione di operare singolarmente visto che, essendo proprietaria esclusiva della intera tratta, ha la facoltà di farlo. Ha anche chiesto se è possibile reperire fondi per l’opera utilizzando parte dei famosi 180 milioni già stanziati da alcuni anni per l’ammodernamento della linea.

    Successivamente sono intervenuti gli altri rappresentanti dei comitati e dei sindacati e, finalmente, hanno preso la parola le figure istituzionali sopra menzionate. L’Assessore ha tenuto il suo discorso per ultimo senza entrare specificatamente in modo dettagliato in merito alle varie problematiche che gli sono state presentate. Riguardo la nostra fermata ci ha lasciato intendere che la strada da noi intrapresa per recuperare i soldi già versati per il nostro quartiere è senz’altro da portare avanti e che pertanto la soluzione del tavolo tecnico da cui partire per discutere con Roma Capitale in merito alla realizzazione dell’infrastruttura è quella che dovrebbe prendere piede. Ciò conferma le conclusioni raggiunte durante la nostra precedente riunione con lo staff dell’assessore in data 16 aprile (si veda a tal proposito il mio breve post di quel giorno). Per quanto concerne l’utilizzo dei finanziamenti già stanziati (per l’ammodernamento della tratta e l’acquisto dei nuovi convogli), la risposta è stata, ancora una volta, negativa.

    Vi riportiamo, per completezza, la nota ufficiale degli organizzatori dell’evento di ieri:
    “Importante appuntamento ieri sulla mobilità nel X Municipio in generale e in particolare sul futuro della Roma Lido.

    Tra i punti più importanti, mettiamo qui in evidenza alcune notizie:
    • Entro l’estate riprenderanno i lavori di costruzione e rifacimento delle stazioni di Acilia Sud e di Tor Di Valle, lavori che verranno eseguiti sotto la supervisione della Regione Lazio.
    • Annunciata l’attivazione da parte della Regione Lazio di un tavolo permanente con Roma Capitale per portare a compimento il progetto delle due nuove fermate a Giardino di Roma e Torrino/Mezzocamino. A seguito della nostra mozione approvata in Consiglio Comunale andiamo avanti anche in Regione Lazio per la riqualificazione delle stazioni della Roma Lido che potranno diventare anche luoghi di aggregazione culturale.
    • Confermato inoltre l’arrivo di nuovi treni entro il 2022.”

  • aggiornamenti

    Un mese dalla raccolta firme

    Poiché è passato un mese da quando abbiamo consegnato a Roma Capitale la nostra interpellanza, vi informiamo che il nostro presidente ha chiamato il segretariato generale per avere un riscontro sia sull’esito della raccolta firme, sia per conoscere lo stato di avanzamento della pratica.
    La segretaria ha risposto che le firme convalidate sono state 700 (su un totale di 720), e tutta la documentazione è stata consegnata all’assessorato alla mobilità.
    Vi ricordiamo che da statuto il Comune di Roma ha 60 giorni di tempo per rispondere ai cittadini.

  • aggiornamenti

    Assemblea straordinaria X Municipio

    Il 18 Aprile 2019 si è svolta un’assemblea straordinaria del consiglio del nostro municipio per discutere in merito ai problemi della tratta Roma-Lido. Oltre ai consiglieri erano presenti alcuni assessori municipali (ambiente e lavori pubblici) e i delegati di Roma Capitale (Agenzia Roma Servizi per la Mobilità), della Regione Lazio (direttore Area Trasporto Ferroviario) e di ATAC (responsabile linea Roma-Lido).

    I disservizi di questa linea sono da tempo ben noti a tutti, e in vista della scadenza del 15 Giugno del contratto di gestione in mano ad ATAC, le perplessità sul futuro di una tratta così importante per il nostro municipio non possono che aumentare. Dell’argomento si è discusso anche lo scorso 25 marzo durante la riunione della III Commissione Mobilità di Roma Capitale, ed il sottoscritto ha partecipato-ve lo ricordo-appena tre giorni fa, ad un altro incontro informale presso la Regione Lazio per parlare sia del miglioramento del servizio sia, ovviamente, della realizzazione della nostra fermata.
    Per quanto ci riguarda rimangono i dubbi su chi esattamente gestirà la linea e da quando partirà la nuova gestione. Fino a ieri mattina sembrava cosa certa una proroga del contratto di gestione da parte di ATAC fino a fine 2019. Durante la riunione del 18 aprile si è invece parlato di un prolungamento dello stesso contratto per altri due anni; con Roma Capitale, però, fermamente interessata ad acquisire per intero la tratta in modo da farla finalmente diventare una linea metropolitana (linea E). Su quest’ultimo punto sarebbe stato il caso di entrare in merito alla discussione. Che la tratta Roma-Lido si possa già considerare alla stregua di una linea metro è stato ribadito anche durante la riunione della commissione mobilità del nostro municipio in data 17/12/2018, quando, all’ordine del giorno, c’era la fattibilità tecnica della fermata Giardino di Roma. Il problema dei tempi di attesa dei treni troppo lunghi dipende, pertanto, solo dal fatto che ci sono pochi treni a disposizione della tratta.

    Il tema della realizzazione della nostra stazione è stato ieri mattina trattato in diverse occasioni, al pari di quello relativo al completamento della stazione di Acilia sud.
    La necessità stringente di dotare il nostro quartiere (densamente popolato ma piuttosto carente di mezzi di trasporto pubblico) di una fermata, è stata ribadita più volte da diversi consiglieri, alcuni dei quali presenti in questo gruppo (Mariacristina Masi, Athos De Luca, Francesco Vitolo, Monica Picca). Per l’infrastruttura si sta valutando l’impiego di fondi derivanti da oneri di urbanizzazione già versati dal costruttore nel 2014 (anche se in realtà per un’altra opera) che, come sapete, sono stati da noi menzionati nella interpellanza recentemente presentata alla Sindaca Raggi.
    Purtroppo, ancora una volta, c’è stato chi ha sollevato un dubbio sulla fattibilità tecnica della nostra fermata dovuto alle distanze rispetto alle stazioni adiacenti di Casal Bernocchi e Vitinia. Dubbio che in passato mi hanno manifestato anche alcuni residenti del nostro quartiere. Il responsabile di ATAC della Roma-Lido ha tranquillamente risposto che una linea metro può avere fermate e stazioni anche a poche centinaia di metri di distanza l’una dall’altra. Io vi ricordo che la nostra disterebbe da Vitinia circa 950 m, e da Casal Bernocchi ben 1450. In merito alle distanze tra le fermate nella tratta, vi invito a dare un’occhiata alla mappa presente anche su questo sito. La distanza tra Lido di Ostia Nord e Lido di Ostia Centro è veramente esigua!

    A fine assemblea sono stati approvati all’unanimità i seguenti tre emendamenti presentati dall’opposizione:
    1) Che si crei un confronto nelle commissioni per essere continuamente aggiornati sulla situazione della stazione Acilia Sud/Dragona.
    2) Che si ribadisca l’utilità della stazione Giardino di Roma e si provveda a risolvere i problemi burocratici in essere.
    3) Che si effettui una programmazione di lungo periodo tra Comune di Roma e Regione Lazio sul futuro della Roma-Lido.

  • aggiornamenti

    Riunione presso il Dip. Mobilità

    Vi informiamo che alcuni di noi hanno partecipato ad una riunione organizzata presso il Dipartimento Mobilità della Regione Lazio dal consigliere di Roma Capitale Giovanni Zannola (Gio Zen membro del nostro gruppo facebook). Durante l’incontro si è parlato sia dell’ammodernamento della Roma-Lido sia della nostra fermata, e in merito a quest’ultima si è giunti alla conclusione che è necessario far partire al più presto un dialogo tra Regione Lazio e Roma Capitale attraverso la convocazione, entro giugno, di un tavolo tecnico specifico a cui parteciperanno diversi uffici competenti.

  • aggiornamenti

    Interpellanza

    Abbiamo piacere di informarvi che la raccolta firme per la nostra stazione è andata molto bene. I firmatari dell’interpellanza alla Sindaca Virginia Raggi sono stati, nel corso delle ultime due settimane, ben 720. Questa mattina il nostro presidente, Paolo Strappaveccia, ha consegnato tutta la documentazione al Segretariato Generale di Roma Capitale, e la cosa divertente è stato apprendere che si è trattato della prima interpellanza rivolta alla Sindaca dall’inizio dell’anno.
    Ci hanno spiegato infatti che queste iniziative popolari, pur essendo previste dallo statuto della nostra città, sono praticamente sconosciute. E vista l’adesione che abbiamo avuto ci hanno fatto i complimenti come quartiere!
    Ringraziamo innanzitutto tutti coloro che sono venuti a firmare.
    I complimenti innanzitutto al presidente della nostra associazione per l’impegno profuso ma ringraziamenti vanno anche ad Antonio, membro della nostra associazione, per aver lanciato l’idea della raccolta firme, e Dario che ci ha aiutato a redigere il testo dell’interpellanza. Ringraziamo i colleghi Marco, Valerio, Vittorio e Fabio, per il supporto dato. Un grazie anche a Leonora Carducci e al CdQ Giardino di Roma 2017 per il prezioso aiuto fornito durante la raccolta firme. Ringraziamo tutti coloro che ci hanno aiutato a spargere la voce sull’iniziativa, anche affiggendo le locandine negli androni dei propri condomini, in particolare Carlo Ungaro, membro del nostro gruppo, che le ha affisse in tutto il quartiere. Il suo aiuto è stato fondamentale.
    Oltre che dai link nel corpo del testo, potete scaricare l’interpellanza dalla sezione documenti.

  • aggiornamenti

    Raccolta firme

    Vi informiamo che abbiamo iniziato una raccolta firme per chiedere la stazione nel nostro quartiere, da presentare sotto forma di una interpellanza alla Sindaca Virginia Raggi, come indicato nello Statuto di Roma Capitale.

    Per firmare occorre portare la tessera elettorale. Siamo presenti al bar “Made in Italy” in via Mario Carotenutonelle seguenti date:

    mercoledì 3 Aprile dalle 18:00 alle 20:00

    giovedì 4 Aprile dalle 17:00 alle 18:00 e dalle 19:00 alle 20:00

    venerdì 5 Aprile dalle 17:00 alle 20:00 dalle 19 alle 20

    sabato 6 Aprile dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 19:00

    domenica 7 Aprile dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 19:00.

    Coloro che fossero interessati possono anche contattarci tramite posta elettronica a: info@fermatagiardinodiroma.it o tramite il form presente nella sezione contatti del sito. Nella sezione documenti trovate l’interpellanza.

    Inoltre, chiunque volesse dare una mano, può affiggere nel proprio condominio la locandina con le date della raccolta firme